12 novembre 2012

ultimissime da Tokyo

ultima foto al Fuji, vista dal bus per Tokyo
Ed eccoci arrivati davvero davvero alla fine.. vi scrivo dall'aeroporto, tra un ora mi imbarco e tra 18 ore dovrei essere a Milano, poi solo più due ore di macchina e finalmente casa, come dire una passeggiata : )

sala relax al Nui hostel di Tokyo
Battutine a parte gli ultimi due giorni sono stati abbastanza intensi, prima i saluti e poi un tour de fource Tokyese tra shopping e gallerie d'arte.
Ma andiamo per ordine, sabato mattina alle 9 avevamo il bus che da Kawaguchiko ci avrebbe portato a Tokyo Shinjuko.. arrivati dopo due ore non abbiamo resistito a fare un giro nel quartiere con i suoi grattacieli e mille negozi; ma le cose da fare erano troppe per cui dopo un pranzo veloce ed economico ci siamo diretti al Nui Hostel dove io e Yoonmi abbiamo diviso la camera. L'ostello mi è piaciuto moltissimo e lo raccomando senz'altro a chiunque capitasse a Tokyo, le camere da due sono un po' piccole ma i letti sono grandi e forse in camerata si sta tutto sommato meno stretti.

Dopo il checkin (e l'addio a Tomas che era stato con noi fino a quel momento) ci siamo dirette di corsa verso la zona di Kappabashi, e se chi è già stato qui sa già che si tratta di una grandissima via di utensili e strumenti per la cucina, da piatti e scodelle a meravigliosi e affilatissimi coltelli, sappiate che noi avevamo l'altissimo intento di trovare una pietra per affilare in nostri strumenti. E visto che avevamo un appuntamento ed eravamo già in ritardo, abbiamo completamente ignorato tutte le meraviglie che c'erano in giro e ci siamo dirette verso i negozi di coltelli che ci sembravano tra i più forniti ed abbiamo ognuna trovato quello che stavamo cercando, una "polishing" stone naturale, per l'ultimissimo passaggio di affilatura (la mia era parzialmente rovinata per cui ho persino risparmiato un bel po').


Siamo comunque riusciti ad arrivare in ritardo all'appuntamento con un amico di Yoonmi che vive a Tokyo ed è anche lui artista e che ci ha portato in una stupenda galleria moderna.. e qui abbiate pazienza, ma non ho proprio idea di dove fossimo (posso dirvi che la fermata del metro era Kiyosumi-Shirakawa : )). Lo spazio espositivo è davvero bello, dislocate su tre piani tante piccole gallerie e studi con giovani artisti giapponesi (e non) con molte cose interessanti.

passeggiata lungo il fiume Sumida, dall'ostello ad Asakusa
Domenica la giornata non sembrava promettere benissimo, ma dopotutto noi avevamo solo più qualche ora da trascorrere a Tokyo, abbiamo quindi fatto una passeggiata lungo il fiume fino al quartiere di Asakusa che si è rivelato pieno di gente e di turisti.
Sono passate così le ultime ore giapponesi, con un po' di malinconia a pensare che tutto questo sia realmente finito, ma anche con un bel po' di voglia di tornare a casa.. e con la consapevolezza e la speranza che probabilmente ci ritroveremo tutti nel 2014, per la seconda conferenza sulla mokuhanga... arrivederci quindi!

uno scorcio del fiume Sumida com'era in una stampa ukiyo-e e come è adesso

2 commenti:

  1. Buon ritorno a casa !!

    RispondiElimina
  2. grazie, e complimenti.
    grazie a queste pagine hai reso il viaggio bello anche per me

    RispondiElimina